Antibiotico resistenza: all’ISS il punto con i partner europei

17 settembre 2019 Sono 28 i Paesi europei coinvolti oggi nella seconda Assemblea Generale della Joint Action Europea su Antimicrobico-resistenza e Infezioni associate all’assistenza (EU-JAMRAI) lanciata nel 2017. Della Joint Action fanno parte 44 partner e più di 30 stakeholder provenienti da istituzioni e amministrazioni pubbliche, accademia, organizzazioni internazionali e compagnie private e si propone di implementare e coordinare tutte…

Continua…

CS N°17/2019 – E-cig: nessun Piano ISS sulla sigaretta elettronica

ISS, 16 settembre 2019 In relazione a quanto comparso nelle pagine del Messaggero di oggi, l’Istituto Superiore di Sanità precisa che non esiste alcun Piano ISS in cui è prevista “una stretta in arrivo sulle e-cig”. L’Istituto, in quanto organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale supporta la definizione di piani e azioni riguardanti la Salute Pubblica a sostegno di Regioni…

Continua…

CS N°16/2019 – Sigaretta elettronica: pronti a collaborare con la Regione Lazio

ISS, 12 settembre 2019 L’Istituto Superiore di Sanità esprime la piena disponibilità a collaborare con la Regione Lazio per fornire l’aggiornamento sugli studi attualmente disponibili in letteratura relativi ai rischi sull’uso della sigaretta elettronica. L’Istituto è pronto inoltre a lavorare per individuare e implementare, alla luce delle attuali evidenze scientifiche, strategie in grado di attuare le misure di prevenzione più…

Continua…

New Delhi, i dati della sorveglianza ISS

ISS, 11 settembre 2019 Le infezioni da Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi, quali imipenem e meropenem, antibiotici cosiddetti di ultima risorsa, perché indicati quando gli antibiotici più comuni falliscono, rappresentano già da molti anni uno dei principali problemi legati alle infezioni correlate all’assistenza. Queste infezioni colpiscono soprattutto persone fragili perché anziane o sottoposte a procedure medico-chirurgiche invasive, possono essere trasmesse…

Continua…

Depressione, farmaci più efficaci grazie ad una maggiore plasticità neurale

ISS, 11 settembre 2019 Potenziare l’effetto degli antidepressivi stimolando la plasticità neuronale. Potrebbe essere questa la chiave per trattare efficacemente tutte quelle persone, circa un terzo dei 322 milioni di pazienti a livello mondiale, che non rispondono come dovrebbero agli antidepressivi serotoninergici. E’quanto è emerso da uno studio preclinico condotto da Igor Branchi e Silvia Poggini presso l’Istituto Superiore di…

Continua…