Coronavirus, l’ISS dedica una pagina di approfondimento

Di Gianni Rezza Roma 23 gennaio 2020 Esce oggi su “Epicentro” un primo aggiornamento sul nuovo Coronavirus recentemente emerso in Cina, nella città di Wuhan. Questo virus, che avrebbe fatto un salto di specie dall’animale all’uomo, si trasmette ora da persona a persona per contatto ravvicinato. Informazioni sulla sua contagiosità, sulla diffusione del focolaio iniziale e sulla gravità clinica non…

Continua…

Comunicato Stampa N° 3/2020 Mortalità perinatale: i primi risultati del progetto pilota di sorveglianza ISS-Regioni

I dati sono in linea con quelli di Francia e Regno Unito Roma 23 gennaio 2020 Rimane ancora alto il numero di bambini morti prima di nascere o entro la prima settimana di vita. I primi risultati del progetto SPItOSS, infatti, che si è concluso dopo tre anni di lavoro e che ha coinvolto tre regioni italiane, rilevano che ogni…

Continua…

CS N°2/2020 – Decadimento cognitivo lieve, l’ISS elabora per la prima volta una stima epidemiologica del fenomeno tra i migranti in Europa

ISS 22 gennaio 2020 Su un totale di 12.730.960 migranti, di età compresa tra 60 e 89 anni, residenti nell’Unione Europea (UE) nel 2018, i ricercatori dell’ISS hanno stimato circa 680.000 casi di decadimento cognitivo lieve (mild cognitive impairment – MCI), in uno studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease La proporzione di casi di MCI tra i migranti (rispetto…

Continua…

CS N°27/2019 – Linee Guida, pubblicata la prima raccomandazione sul trauma maggiore. Al via la consultazione online

ISS 23 dicembre 2019 Pubblicata sul sito del SNLG la prima raccomandazione preliminare della Linea Guida “Gestione integrata del Trauma Maggiore dalla scena dell’evento alla cura definitiva” che l’ISS sta sviluppando su mandato del Ministero della Salute. “Questa linea guida – dice Andrea Piccioli, Direttore Generale dell’ISS e coordinatore del Comitato Scientifico della linea guida – sarà inclusiva degli aspetti…

Continua…

Diabete, obesità e disturbi mentali: il ruolo dell’insulina al centro di un progetto europeo a cui partecipa l’ISS

ISS 20 gennaio 2020 Potrebbe esserci un nesso, basato su alterazioni nei meccanismi di azione dell’insulina, tra i disturbi metabolici, in particolare il diabete di tipo 2 e l’obesità, e i disturbi cerebrali come il morbo di Alzheimer, il disturbo ossessivo-compulsivo e i disturbi dello spettro autistico. E’ questa l’ipotesi di PRIME (Prevenzione e rimedio della multimorbilità dell’insulina in Europa),…

Continua…