Sviluppo tecnologico in sanità, opportunità e problemi

ISS, 18 novembre 2019

La genetica, la robotica, le nano e le biotecnologie e molte altre discipline scientifiche sono le protagoniste di uno sviluppo tecnologico senza pari che ha portato, e continua a portare, benefici indiscutibili in termini di miglioramento della qualità di vita dei pazienti. D’altro lato, tuttavia, si pongono problemi etici non di poco conto quando si parla ad esempio di informazioni del genoma, di status giuridico del materiale biologico e delle attività di ricerca che lo coinvolgono e così via. E’ in questo scenario che si inserisce il primo Convegno internazionale “Alle soglie di un mondo nuovo – Etica e sviluppo tecnologico nelle scienze della vita” in programma a Genova il 19 novembre. L’evento, che vede l’ISS tra gli enti promotori, insieme a Bio4Dreams, IIT, IRCCS Ospedale Policlinico San Martino, IRCCS Istituto Giannina Gaslini, Università di Genova e Arcidiocesi di Genova, di un dibattito più che mai attuale, si propone di fondare un Comitato permanente di studio su questi delicati temi.

“Negli ultimi anni si assiste a un crescente interesse verso le applicazioni di Intelligenza Artificiale (IA) in medicina, date le potenzialità in vari ambiti, quali la neurologia e le scienze radiologiche, in particolare per la diagnosi per immagini – afferma Mauro Grigioni, direttore del Centro Nazionale Tecnologie Innovative in Sanità Pubblica dell’ISS – molti software automatici possono rivelare infatti dettagli di potenziale rilevanza diagnostica che anche l’occhio di un clinico esperto può non essere in grado di rilevare, permettendo un veloce supporto all’analisi. L’imaging diagnostico è solo un esempio delle opportunità offerte da questi strumenti nella sanità. Tuttavia non mancano le problematiche, specie dal punto di vista della governance dei Big Data che alimentano le reti neurali e le addestrano. E’ infatti necessario evitare le diseguaglianze dovute a differenze infrastrutturali e alla disomogeneità nella disponibilità e nell’utilizzo dei dati, perché vengano colte le opportunità che l’IA può offrire, garantendo le caratteristiche di equità e universalità del SSN”. Un’altra problematica, conclude Grigioni, “è anche l’individuazione dei confini etici dello sviluppo tecnologico, tema ricorrente delle rivoluzioni scientifico-tecnologiche”.

Mauro Grigioni parteciperà alla tavola rotonda dedicata all’Intelligenza Artificiale con una relazione dal titolo “Strumenti innovativi di IA e Big Data in sanità: opportunità e problematiche”.

 

Allegati

Commenti chiusi