L’Isola della Sostenibilità a Testaccio, l’ISS protagonista di talk e laboratori per ragazzi

ISS, 3 dicembre 2019 –

Laboratori per bambini, ragazzi e studenti universitari, e talk per parlare di “Salute al centro del cambiamento repentino del clima”. L’Istituto Superiore di Sanità vuole dare così il suo contributo al dibattito più che mai attuale sulla sostenibilità nel corso delle quattro giornate organizzate negli spazi dell’ex Mattatoio di Testaccio nei prossimi 4-7 dicembre dall’Isola della Sostenibilità.

Un progetto nazionale, giunto alla sesta edizione, che ha l’obiettivo di approfondire le tematiche legate al Goal 13 dell’Agenda 2030 dell’ONU: “Agire per il Clima, adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze”.  Un’occasione perché Istituzioni, Enti di Ricerca e Aziende incontrino i cittadini al fine di informare sui temi ambientali e promuovere azioni concrete per uno sviluppo sostenibile, con un’attenzione particolare alle giovani generazioni.

“Una delle maggiori sfide a livello mondiale è rappresentata dalla tutela della salute severamente minacciata dai cambiamenti climatici – spiega Laura Mancini, del Dipartimento Ambiente dell’ISS – L’impatto antropico sta modificando l’ambiente su scala globale e questi cambiamenti possono avere effetti diretti e indiretti sulla salute delle popolazioni. Cercheremo di esplorare, in un’ottica interdisciplinare come la conoscenza rapida dei fenomeni, l’individuazione e la realizzazione delle possibili soluzioni possa contribuire alla messa in atto di azioni di prevenzione e mitigazione dei potenziali rischi associati alla globalizzazione e urbanizzazione”.

I laboratori organizzati dall’ISS spazieranno dalla valutazione della qualità degli ecosistemi acquatici ai contaminati emergenti microbiologici, dalle plastiche e dal genoma all’ecotossicologia. Accompagnati da talk di approfondimento sulla relazione tra la salute, cambiamenti climatici e servizi eco-sistemici.

Nella giornata del 4 dicembre si parlerà anche di “Fake news sulla sostenibilità più popolari del web”.

Allegati

Commenti chiusi