CS N°8/2020 – Istituto Superiore di Sanità: test di conferma positivo per coronavirus 2019-nCoV per uno dei rimpatriati da Wuhan

ISS, 6 febbraio 2020 L’Istituto Superiore di Sanità ha appena comunicato alla task-force del Ministero della Salute l’esito positivo del test di conferma su uno dei rimpatriati da Wuhan e messo in quarantena nella città militare della Cecchignola. Il paziente è attualmente ricoverato all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma con modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale.…

Continua…

Che cos’è R0 e perché è così importante

ISS, 5 febbraio 2020 Un parametro importante in un’epidemia di una malattia infettiva è il cosiddetto R0 ovvero il “numero di riproduzione di base” che rappresenta il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione completamente suscettibile cioè mai venuta a contatto con il nuovo patogeno emergente. Questo parametro misura la potenziale trasmissibilità di una…

Continua…

CS N°7/2020 – Rezza: “Impossibile escludere il rischio di nuove infezioni”

ISS, 5 febbraio 2020 Per quanto riguarda quanto riportato da alcuni organi di stampa, Gianni Rezza, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’ISS, precisa quanto segue: “Si fa presente che i provvedimenti presi dal governo italiano in anticipo rispetto agli altri paesi Europei diminuiscono certamente la probabilità di arrivo di pazienti infetti, il che naturalmente non vuol dire che si…

Continua…

Coronavirus: le risposte dell’ISS ai dubbi più frequenti su esposizione, prevenzione e trasmissione

ISS, 4 febbraio 2020 Se prendo gli antivirali prevengo l’infezione? No, allo stato attuale non ci sono evidenze scientifiche che l’uso dei farmaci antivirali prevenga l’infezione da Coronavirus o da altri tipi di infezioni virali. Se sono stato in metropolitana con una persona che tossiva e nei giorni seguenti compare la tosse anche a me devo andare in ospedale? No,…

Continua…

CS N°6/2020 – Anziani, in Italia il 19% degli over 65 è a rischio fragilità  

ISS, 4 febbraio 2020 Sviluppata una APP per poterli individuare a partire dal livello di attività fisica praticata  Il 19% degli anziani in Italia è a rischio di fragilità, una condizione che si aggrava con l’età, riguarda nello specifico il 12% dei 65-74enni e il 30% fra gli ultra 85enni, è fortemente associata allo svantaggio socio-economico (sale al 28% fra le…

Continua…