Influenza e SARS-CoV-2 hanno sintomi simili ma in Italia circola solo la prima

ISS, 13 febbraio 2020 L’ultimo bollettino Influnet dell’Istituto Superiore di Sanità rileva una lieve diminuzione dei casi di influenza in Italia, che è il primo segnale di superamento del picco. I sintomi dell’influenza, almeno in una fase iniziale, sono molto simili a quelli di altre infezioni respiratorie, compreso il nuovo coronavirus SARS-CoV-2: febbre, tosse, raffreddore, mal di gola. Per il…

Continua…

 Influenza: diminuisce lentamente il numero dei casi

ISS 13 febbraio 2020 Sono state 763mila le persone colpite dall’influenza nella sesta settimana del 2020. Lo rivela il bollettino di sorveglianza Influnet dell’ISS pubblicato oggi. Dall’inizio della sorveglianza le persone colpite sono poco più di 5 milioni. Rispetto alla settimana precedente si sono registrati circa 20mila casi in meno. Segnale che i casi di sindrome simil-influenzale stanno lentamente diminuendo.…

Continua…

COVID-19, molto probabile un ruolo per i pipistrelli, ma si cerca ancora l’ospite intermedio

ISS, 12 febbraio 2020 – Il nuovo coronavirus 2019-nCoV, che l’OMS ha deciso di chiamare SARS-CoV2, isolato nell’uomo per la prima volta alla fine del 2019, dalle analisi genetiche e dai confronti con le sequenze di altri coronavirus da diverse specie animali sembra essere originato da pipistrelli. In particolare due coronavirus dei pipistrelli condividono l’88% della sequenza genetica con quella…

Continua…

Coronavirus: Rezza, almeno un anno per avere un vaccino pronto

ISS, 11 febbraio 2020 E’ possibile che entro due o tre mesi si abbiano dei candidati vaccini per il nuovo coronavirus pronti per i primi test sull’uomo, ma difficilmente prima di un anno potranno essere impiegati ‘sul campo’. Lo sottolinea Gianni Rezza, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’ISS, che sta partecipando al meeting convocato dall’OMS oggi e domani a…

Continua…

Coronavirus, Rezza: la via di trasmissione principale non è da superfici

ISS, 10 febbraio 2020 “Non deve creare allarme lo studio tedesco secondo il quale il nuovo coronavirus resisterebbe attivo sulle superfici circa 9 giorni – afferma Gianni Rezza, direttore del Dipartimento malattie Infettive dell’ISS -. Questo studio, ancora da dimostrare e condotto su altri coronavirus e non su quello cinese, non fa la differenza sul contenimento precoce dell’epidemia. Da quello…

Continua…